Assicurazione furto casa, quando il rimborso non è dovuto

Le polizze contro i furti vengono proposte come garanzie accessorie all’interno di pacchetti assicurativi multi rischio dedicati alla casa, e rimborsano l’assicurato in caso di furto in appartamento, sia in relazione ai beni sottratti sia per gli eventuali danni causati dai ladri. In Italia ogni ora vengono svaligiati 22 appartamenti, non sorprende, quindi, che sempre più italiani cerchino di tutelarsi con un’assicurazione contro i furti. Nei primi 6 mesi dell’anno infatti la domanda è cresciuta del 5% rispetto allo stesso periodo del 2018. Lo spiega un’analisi di Facile.it realizzata su un campione di oltre 100.000 richieste di polizze casa.

Attenzione al massimale

Il costo di una polizza casa contro i furti varia tra 2 e 8 euro al mese (con un massimale di 5.000 euro), mentre per la garanzia accessoria che tutela i gioielli e i preziosi, il costo è compreso tra 1 e 3 euro al mese (con un massimale di 2.000 euro), riporta Adnkronos. Gioielli e preziosi sono infatti esclusi dalla copertura, e richiedono una garanzia apposita, così come le opere d’arte e di antiquariato. In fase di stipula è quindi fondamentale inserire un massimale in linea con l’effettivo valore dei beni da assicurare. Una sovrastima rischierebbe di far lievitare il costo del premio mensile mentre una sottostima potrebbe tradursi in un rimborso non sufficiente a coprire tutti i danni subiti.

Infissi e allarmi, ecco quando vanificano la polizza

Alcune compagnie richiedono che l’abitazione abbia determinate caratteristiche costruttive. Se ad esempio l’appartamento è situato ai piani bassi le aperture dovranno essere equipaggiate con mezzi di chiusura e di difesa idonei. Non basta quindi avere buoni infissi. Se a seguito di un furto l’assicurazione dovesse scoprire che i sistemi di protezione erano assenti o non in linea con i requisiti tecnici, la compagnia potrebbe diminuire o addirittura non riconoscere il rimborso. Attenzione anche all’impianto di allarme. Se installato, potrebbe dare diritto a ricevere uno sconto sul premio mensile, ma se si dimentica di attivarlo l’assicurazione potrebbe ridurre l’entità del risarcimento.

Devono essere presenti segni di effrazione

In generale, affinché la compagnia rimborsi gli oggetti rubati è necessario che vi siano segni di effrazione. Se il reato viene “agevolato” dall’assicurato o dai suoi familiari la polizza potrebbe non essere valida o riconoscere un risarcimento parziale. Attenzione quindi a non lasciare aperta la porta di casa. Se poi a commettere il furto è un parente, o il coinquilino, la compagnia non rimborsa. Se invece ad aprire la porta ai ladri è il padrone di casa, alcune polizze risarciscono, ma solo se la truffa è ai danni di over 65. Se il furto poi avviene in presenza dei proprietari la polizza è valida, ma rimborserà solo un parte di quanto dovuto. Attenzione anche a restare troppo tempo lontani da casa. In molti casi la copertura non rimborsa se l’immobile resta disabitato per un periodo di tempo variabile tra i 45 e i 60 giorni consecutivi.